fbpx
ido portal

Ido Portal e il suo Metodo

Ido Portal e il metodo che prende il suo nome sono la prima cosa che viene in mente quando oggi si parla di Movement Training. Benché non sia stato lui “l’inventore” (spoiler: non esiste un singolo ideatore) di questo allenamento, ne è sicuramente l’esponente più in vista e più conosciuto.

Questo soprattutto grazie al suo coinvolgimento nelle MMA come uno dei trainer di Conor McGregor, ex campione dei featherweight e dei lightweight dell’UFC, attualmente il fighter più in vista del mondo delle arti marziali miste.

Il viaggio vero e proprio di Ido nel Movement Training ha inizio negli anni fra il 2008 e il 2009, quando dal mondo della Capoeira, che aveva praticato per circa 15 anni, inizia a esplorare altri universi: quello della ginnastica artistica, delle arti circensi, delle arti marziali cinesi, della danza e dello strength and conditioning (e altri).

Da queste esplorazioni svilupperà poi il suo originale sistema. Come lui stesso dichiara, il suo merito non è stato nel creare nuove mosse o movimenti mai visti prima, ma nello sviluppare un nuovo approccio che permetta di affrontare cose “già viste” sotto un nuovo punto di vista, in modo da ottenere nuovi risultati.

Quello che è nato è un metodo estremamente ben strutturato avente una terminologia ben precisa (terminologia che, volens nolens, viene oggi adottata dalla gran parte della comunità dei movers, siano essi studenti di Ido oppure no). Nonostante per un outsider molti termini possano apparire oscuri e “mistici”, addentrandovicisi un pochino si inizia a percepire come il metodo di Ido Portal sia costruito con una precisione quasi scientifica.

IL METODO IDO PORTAL

Il metodo di Ido Portal è fortemente influenzato dal Floreio della Capoeira, dal metodo di programmazione di Charles Poliquin, dalle teorie di Moshe Feldenkrais e dall’allenamento di forza della ginnastica artistica.

Ora vediamo alcuni dei concetti base del metodo di Ido (naturalmente bisogna tenere conto che andrò a mostrare solo i concetti principali senza addentrarmi nello specifico).

GENERALISMO vs SPECIALISMO

Ido afferma che l’essere umano è il generalista assoluto del regno animale. Tuttavia, siamo andati sempre più specializzandoci, raggiungendo sì grandi risultati ma privandoci della gioia di essere umani: “siamo prima di tutto esseri umani, in secondo luogo siamo dei mover e dopo, solo dopo, siamo degli specialisti”. Oggigiorno la nostra società premia l’estrema specializzazione. Eppure, l’estrema specializzazione non è sostenibile sul lungo termine.

Prendendo come esempio l’attività fisica, un corpo estremamente specializzato inizia a soffrire dopo un certo periodo di tempo. Pensa al motivo per cui tutti gli atleti professionisti dei vari sport hanno una “data di scadenza” (ovvero un età limite passata la quale non sono più papabili dal mercato). Inoltre, questi atleti pagano spesso un caro prezzo, portandosi dietro infortuni da cui non riusciranno quasi mai a recuperare del tutto.

Un corpo estremamente specializzato ha dei benefici estremi in certi ambiti ma svantaggi altrettanto estremi in altri che non rientrano nel suo campo. Perdipiù un corpo specializzato non è un corpo armonico, e per questo motivo molto più soggetto a infortuni.

Nel metodo di Ido Portal lo studente viene esposto a tante pratiche differenti. Questo per poterlo rendere in grado di scegliere e di costruire la sua particolare “impronta”. Perché arriva il momento in cui una scelta deve comunque essere fatta. Esistono talmente tante possibilità che una scelta, alla fine, diventa necessaria.

Quello che Ido punta a creare, utilizzando questo approccio generalista, è un individuo che abbia la capacità di adattarsi a ogni tipo di movimento. Un praticante che possieda una padronanza delle caratteristiche generiche (come forza, agilità, equilibrio, coordinazione etc) tale da poter muoversi liberamente nei più disparati campi.

Per chiarirci meglio, prendiamo come esempio un giocatore di calcio. Giocando a calcio svilupperà sì alcune skill, ma solo nel suo ambito ristretto. Ovvero, sarà agile nel dribblare, abilissimo a controllare la palla con i piedi e così via. Ma tolto dal suo ambito specifico ben poco sarà traslato. Senza la palla al piede e fuori dal campo, tantissimi calciatori sono goffi e scoordinati.

Ma se il giocatore si approcciasse, nella sua preparazione atletica generale, al movimento in generale, improvvisamente vedrebbe un mondo di possibilità aprirsi davanti a lui.

È proprio quello che Ido Portal ha fatto con Conor McGregor: gli ha fatto praticare movimenti di danza, esercizi di equilibrio e allenamenti agli anelli. Tutte cose che non vengono associate agli sport da combattimento.

LE TRE ZONE DELL’APPRENDIMENTO

Il discorso sul generalismo e sulla varietà ci porta a un altro pilastro del metodo Ido Portal: le tre zone di apprendimento.

Zona 1: È quella in cui si impara di più, in cui il sistema nervoso centrale riceve più stimoli e il nostro cervello costruisce più connessioni nervose. Questa è la zona del principiante, in cui si scoprono una nuova idea e un nuovo movimento e li si esplora. È quel momento in cui, facendo qualcosa che non si è mai fatto, si fa tendenzialmente schifo nell’esecuzione. Tuttavia, è la fase più ricca e quella che offre più benefici.

Zona 2: Si impara di meno rispetto alla 1, il processo consiste nel raffinare qualcosa che si è già imparato. Qui il sistema nervoso centrale e il cervello costruiscono ancora alcune connessioni. Quando si è in questa zona non si è più principianti. Il pattern del nuovo (ora non più) movimento è stato imparato, ma non ancora perfezionato. Ora si lavora sui dettagli e sul loro perfezionamento.

Zona 3: Questa è la zona in cui non si impara quasi più niente. Non si crea praticamente nessuna nuova connessione nervosa. Nel momento in cui diventiamo esperti in un dato movimento i benefici ne vengono praticamente annullati. Diventa praticamente una routine automatica e non vi è più necessità né di “prendere decisioni” né di fare del problem solving. È giunti a questo punto che, nel Movement Training, si decide se mettere la skill in mantenimento (e quindi entrare propriamente nella zona 3) o abbandonarla del tutto.

metodo ido portare isolare integrare improvvisare
Copyright idoportal.com

ISOLARE, INTEGRARE, IMPROVVISARE

La colonna portante del metodo di Ido Portal. Questo processo prende un movimento, lo collega ad altri e infine guida all’esecuzione non coreografata di una serie di movimenti. Vediamo ora più nel dettaglio ogni singola fase.

Isolare: isolare i movimenti è ciò che sta alla base di ogni progresso. La programmazione di Ido Portal si basa essenzialmente sul modello dello strength and conditioning applicato (per la maggior parte) agli esercizi a corpo libero. La fase di isolamento quindi è un passaggio fondamentale. Tuttavia qui, invece che isolare singoli gruppi muscolari, vengono isolati i singoli pattern di movimento e le loro variazioni. L’obbiettivo è quello di sviluppare la forza (prerequisito necessario) insieme alla singola skill. Alcuni esempi di pattern di movimento sono: squat, ponte, deadlift, spinta e tirata (sia orizzontale che verticale), e tanti altri. Attraverso l’isolamento si vanno ad aumentare le capacità atletiche, aprendo la strada all’integrazione di più movimenti e all’improvvisazione.

Integrare: usando un esempio linguistico, si può dire che nell’isolamento si imparano le singole parole, nell’integrazione si iniziano a formulare delle frasi usando le parole apprese. Questa fase si basa sulla coreografia. È fatta da sequenze pianificate di movimenti costruite sulla preparazione fisica fatta nella fase di isolamento. Ora, qui accade una cosa bellissima: un movimento che si pensava di aver padroneggiato a fondo nella sua versione isolata, diventa improvvisamente molto più difficoltoso e acquista una nuova vita e una nuova forma nel momento in cui viene “linkato” ad altri movimenti. Questo ci spinge a mutare, ad adattarci e a scoprire nuovi punti di vista e nuovi aspetti inesplorati di un qualcosa che credevamo di conoscere a fondo e di padroneggiare.

Improvvisare: Ido Portal afferma che “improvvisare è l’espressione più alta del movimento umano”. L’improvvisazione in pratica è la combinazione di isolare + integrare creata sul momento. I movimenti non sono predeterminati, ma li creiamo man mano che procediamo, come ci vengono (per questo l’improvvisazione nel nostro campo è comunemente chiamata flow). Nota che improvvisare è estremamente difficile. ESTREMAMENTE. Se partiamo da zero ci vorranno almeno diversi anni prima di improvvisare in maniera fluida, libera e avendo il pieno controllo dei movimenti. Ma si può sempre improvvisare e, anche se l’esecuzione sarà goffa, impacciata e interrotta non dobbiamo farci scoraggiare. Vi è anche un altro ostacolo: l’improvvisazione che è in realtà un’integrazione. Spesso persino praticanti molto avanzati non improvvisano veramente. “Semplicemente” eseguono pezzi di coreografia che hanno imparato e li collegano fra loro. Quello non è improvvisare.

Un bel documentario che vale la pena guardare se siete interessati a Ido e alla sua metodologia

BREVE BIOGRAFIA DI IDO PORTAL

Nasce il 1 maggio del 1980 ad Haifa, in Israele.

Da giovane pratica arti marziali tradizionali fino a che, all’età di 15 anni, incontra la Capoeira. Soprannominato “il Missionario” per la sua dedizione alla pratica e alla diffusione della Capoeira, a 16 anni inizia a insegnarla, fino a diventarne negli anni uno degli esponenti di spicco in Israele.

Realizzando negli anni che ciò che lo appassiona veramente è il movimento, nel 2008 inizia a viaggiare per allenarsi con alcuni dei maggiori esponenti delle più svariate discipline e inizia a sviluppare il suo metodo di allenamento.

Nel 2011 organizza il primo Movement Camp in Thailandia, un intensivo in cui vengono esplorati diversi focus della sua pratica. Il Movement Camp diventerà il punto di ritrovo per I praticanti del suo metodo e per gli appassionati di movimento in generale.

Nel 2015 diventa uno dei trainer di Conor McGregor, e si fa conoscere anche dal pubblico mainstream.

È lui che ha reso popolari termini che oggi sono di uso comune fra i movers, come il termine mover stesso e la definizione di movement culture.

Questo è il suo sito: http://www.idoportal.com/

Qui puoi trovare i luoghi e le date dei workshop: http://www.idoportal.com/when

Questo articolo è il primo di una serie in cui andremo ad analizzare le caratteristiche dei programmi che in questo momento influenzano maggiormente il mondo del Movement Training. Naturalmente, non sono gli unici e vi sono altrettante persone e programmi là fuori estremamente validi, innovativi e interessanti. Tuttavia, questi sono quelli che costituiscono la prima generazione del Movement Training:

Fighting Monkey Rootlesroot – Linda Kapetanea e Jozef Frucek

Evolve Move Play – Rafe Kelley

MovNat – Erwan Le Corre

NOTA BENE: in tutti questi articoli descrivo i punti di vista dei vari metodi descritti. Non sono articoli di critica ma di presentazione. Laddove esponessi mie idee o critiche, questo sarà reso ben evidente dal testo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookie per fornirti un'esperienza migliore. Continuando la navigazione o cliccando OK accetti l'uso dei cookie. Puoi avere più informazioni sui cookie e su come disabilitarli qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close